Arrow menu 819ad5cd3800f7a456fa823a806602d70ff2d1e3c3700205dd78a5f95f8ae804

esposizioni

Arrow search 928ac2b63f98345aa2ecd54f0c810bdaa24b06d9bc1717499e8523149b1e9c6a vai all'esposizione precedente Arrow search 928ac2b63f98345aa2ecd54f0c810bdaa24b06d9bc1717499e8523149b1e9c6a vai all'esposizione successiva
Fullscreen 1d08dfb04d4ebc26f3f59dfa3119ac67290f374e126909bea64c08e41a5387fc
Maria-Morganti-priere-de-toucher-6-Busto Arsizio-2018-2018 Arrow search 928ac2b63f98345aa2ecd54f0c810bdaa24b06d9bc1717499e8523149b1e9c6a Arrow search 928ac2b63f98345aa2ecd54f0c810bdaa24b06d9bc1717499e8523149b1e9c6a
Fullscreen 1d08dfb04d4ebc26f3f59dfa3119ac67290f374e126909bea64c08e41a5387fc
titolo

Prière de toucher 6

Descrizione Esposizione

Antonio Catelani, Francesco Carone, Ermanno Cristini, Mimì Enna, Jenny Magnusson & Patrik Elgström, Giovanni Morbin, Maria Morganti, Alice Pedroletti, Luca Scarabelli, Serena Vestrucci

Un progetto di Ermanno Cristini in conversazione con Giulia Brivio e Luca Scarabelli

 


Prière de Toucher è un “dispositivo” costruito attraverso gli scambi di idee tra

Ermanno Cristini e Giulia Brivio e grazie al lavoro di tutti gli artisti che fino ad

ora vi hanno partecipato, consentendogli di “prendere corpo”. Sì, perché Prière

de Toucher ha a che fare con il corpo e, saccheggiando il titolo del noto lavoro

di Marcel Duchamp, rimanda inevitabilmente al mostrare.

In breve Prière de Toucher si interroga sui confini del corpo e sulla natura

dell’esibizione, e, forse, è una modalità del mostrare nonostante si preoccupi

solo di nascondere.

Prière de Toucher è un ciclo di mostre, ognuna con una propria caratteristica

strettamente dipendente dal luogo che la ospita.

Questa sesta tappa di Prière de Toucher è concepita per lo spazio della Fondazione

Bandera, un contesto espositivo contraddistinto dall’essere dentro un

sistema di luoghi che hanno e hanno avuto funzioni diverse.

Lo stare dietro/dentro a qualcosa o la fuga di uno spazio dentro l’altro, quasi

alla maniera delle scatole cinesi o delle Matrioske, costituisce una pratica di

nascondimento, un modo di essere che si alimenta del proprio celarsi in una

sorta di inafferrabilità in quanto modalità di fruizione.


Dati
Città
Busto Arsizio
Anno di inizio
2018
Anno di conclusione
2018
Luogo
Fondazione Bandera per l'arte
Tipologia
Collettiva
Curatore
Cristini Ermanno