Archivio

Interpretazione

Info

Arrow menu 819ad5cd3800f7a456fa823a806602d70ff2d1e3c3700205dd78a5f95f8ae804
Fullscreen 1d08dfb04d4ebc26f3f59dfa3119ac67290f374e126909bea64c08e41a5387fc
Default 29101629 1419773074790733 6988411395911767603 n Arrow search 928ac2b63f98345aa2ecd54f0c810bdaa24b06d9bc1717499e8523149b1e9c6a Arrow search 928ac2b63f98345aa2ecd54f0c810bdaa24b06d9bc1717499e8523149b1e9c6a
Fullscreen 1d08dfb04d4ebc26f3f59dfa3119ac67290f374e126909bea64c08e41a5387fc

Titolo

Simili. Non uguali

Descrizione Esposizione



Esposizione su invito di Luca Scarabelli

In mostra viene presentata una piccola raccolta delle sedimentazioni, piccole tele (16X18 cm) che cominciano sempre con il colore rosso (Io sono il rosso, dice Maria) coperto poi da vari strati di altri colori trovati mentre si dipinge, senza una particolare progettualità nella costruzione del colore che copre la superficie, se non quella di fermarsi poco prima del bordo superiore, nella periferia dello sguardo, per lasciare intra-vedere il colore sottostante, una manifestazione del processo del dipingere, cosi fino all’ultimo strato. Qui ci si immerge dentro il colore, nella comune attrazione delle sue tinte più inaspettate, nei contrasti decisi o nelle consonanze sfiorate, nelle opacità di colori che ci appaiono quasi innaturali e altri unici, assoluti e irriproducibili. 

In un certo momento della storia delle stratificazioni arriva un colore che si preoccupa di essere l’ultimo, il colore finale che ci restituisce quello che si vede. 

Nell’insieme raccontano il gesto del dipingere nella forma della similitudine che non raggiunge mai l’eguaglianza, una differenza quasi biografica tanto il colore è segnato dall’esperienza.

Presente in mostra è anche un piccolo lavoro della serie Residui, Traccia N.1 1999-2018, un brandello del foglio di Scottex sul quale Maria Morganti ha pulito le mani ogni giorno dal 1999 al 2016 dopo avere lavorato alle sue Carte-Diario con i pastelli ad olio.

Infine, Dodici stati di melma un dipinto sequenziale composto da un colore grigiastro, derivante dal deposito che si è formato negli anni sul fondo del suo sgocciolapennelli. Fare pittura è anche andare a toccare i punti più nascosti e impossibili della sua genesi, un tirar fuori materia-colore preparato dal tempo per renderlo presente.

Il suo colore entra negli occhi e diventa subito corpo, senso, oggetto, e forse anche anima.





Opere





Documenti





Dati

Nazione

Italia

Anno di inizio

2018

Anno di fine

2018

Luogo

Surplace

Tipologia

Personale

Curatore

Scarabelli Luca