Arrow menu

opere

Fullscreen
Maria-Morganti-Opera-pellestrina-11-km-verde-scuro-e-verde-chiaro-2010-pittura-ad-acrilico-su-tela-incassata-nella-pietra-d-istria-venezia Arrow search Arrow search
Photo F. Allegretto
Fullscreen
titolo

Pellestrina 11 km (verde scuro e verde chiaro)

Descrizione Opera

Una serie di 11 telette si incastonano nella pietra d'istria.

Descrizione Serie

Quando dipingo lascio che le cose accadano poi in un secondo momento faccio due passi indietro, prendo le distanze e comprendo ciò che ho fatto. Tutti e due i momenti fanno parte allo stesso modo del processo pittorico. Queste due serie di lavori nascono da due esperienze che ho vissuto direttamente: una positiva e l'altra negativa. La prima: Ho comprato una casa in un'isoletta tra il Lido di Venezia e Chioggia che si chiama Pellestrina. Si tratta di una lunga striscia di terra di circa 11 Km che divide il mare dalla laguna. L'ultima parte dell'isola si stringe a tal punto da essere larga solo pochi metri. Qui si può salire e camminare su un muro alto circa 3 metri e lungo circa 2 Km, costruito come difesa a mare per Venezia e che divide la laguna dal mare. Quando cammini su questa riga, il "monton", percepisci hai lati dei tuoi occhi due grandi spazi. Ciò che vedi non sta di fronte a te, ma lateralmente. Sono due aree completamente diverse che quasi si incontrano ma non si toccano. Se si incontrassero diventerebbero la stessa cosa e quindi si snaturerebbero. Una è laguna e l'altra è mare, una ha un colore, un odore, un movimento, una vita marina e l'altra ne ha un altra. E' nella separatezza che mantengono la loro specificità. La seconda esperienza invece riguarda la malattia di mia mamma. Si chiama maculopatia degenerativa. Chi viene colpito da questa malattia perde progressivamente la visione centrale e rimane solo con la visone laterale. Non vedi ciò che ti sta di fronte, ma percepisci ciò che sta ai lati, con la coda dell'occhio. Queste pitture risentono di queste due conoscenze della realtà che derivano dalla percezione dello spazio attraverso il muoversi del corpo. Nelle "Visioni laterali" l'orizzonte, la striscia che sta nella parte alta delle mie "Sedimentazioni" e che mantiene una traccia di tutti gli strati che formano il quadro qui si gira in senso verticale e taglia a metà la tela. Le stratificazioni di colore, cioè la traccia del mio dipingere, avvengono su due piani laterali. Le due parti non si incontrano mai, cercano di avvicinarsi ma sono sempre separate. Nelle "Pellestrine" l'orizzonte si gira di nuovo e riprende un'andamento orizzontale, ma sempre con una ripartizione in due dello spazio. La proporzione è quella dell'isola: 11 parti come i suoi 11 Km.

Dati
Anno
2010
Luogo
Venezia
Tecnica e materiali
Pittura ad acrilico su tela incassata nella pietra d'istria.
Tipologia
Pietra
Serie
Pellestrine
Numero Archivio
2010_Pietra_Pellestrine_001
Dimensioni
Misura ogni singola Pellestrina: 7 x 5 cmMisura marmo: 79 x 18 x 8